Hitchcock movie trailer

Trailer del film hitchcock di prossima uscita al cinema.
La Trama narra la genesi di Psycho, mi sembra molto appetitoso, lo aspetto

Annunci

Cinema, L’uomo che non c’era Joel e Ethan Coen

Immagine

Molti apprezzano i capolavori Fargo Il grande Lebowsky, che non nascondo sono film bellissimi, io invece sono innamorata de L’uomo che non c’era, per il semplice motivo che un piano organizzato per vendicarsi del tradimento della moglie va a puttane, nel momento stesso in cui il gioco del destino si diverte a smontare il castello di bugie e segreti che è intorno al protagonista.

E’ un film affascinante ed è ovviamente uno dei miei cult movies, entrato di diritto nel mio cuore già alla prima visione, intanto è un opera che ti incatena allo schermo dall’inizio alla fine, e presenta un uomo anonimo, quasi assente che vede scorrere la vita con apatia, quando si accorge che la moglie lo tradisce cerca di risolvere la situazione a modo suo, ma una serie di reazioni a catena fanno sì che a pagare le conseguenze del suo gesto sia la stessa moglie innocente, che si impicca in prigione per la vergogna, ma ciò che semini ti torna in dietro tre volte tanto, anche lui sarà accusato alla fine di un delitto che non ha compiuto, nel più classico  dei finali.

Joel e Ethan Coen fanno un film drammatico, un noir spiazzante e realistico allo stesso tempo, per me è il loro miglior film, e ve lo dice una che per Lebowsky ha perso la testa. L’uomo che non c’era è il loro film più maturo, più completo.

Il cast di attori è straordinario, per questo film hanno scelto il meglio dei loro attori feticcio, anche se manca il mitico John Turturro e anche John Goodman, che sono gli attori che hanno lavorato di più con loro, ma c’è Thornton, che tornerà a lavorare con i Coen nella commedia prima ti sposo, poi ti rovino, la sempre bravissima Frances McDormandJames Gandolfini al suo primo film con la coppia di fratelli.

 billy-bob-thorton-e-jon-polito-ne-l-uomo-che-non-c-era-11133

Un film che è come una lenta ballata verso un abisso senza uscita, che porterà il protagonista verso un destino segnato dalle sue stesse azioni, come una marcia funebre che non promette nulla di buono, perchè non si scherza con la vita di nessuno, quindi non riuscirà a fare ciò che vuole fare, cioè aprire quel lava a secco con i soldi rubati all’amante della moglie, perchè ciò che togli agli altri ti verrà restituito tre volte tanto…ed è quello che succede al nostro anonimo protagonista.